Domenica, 08 Dicembre 2019

News


Acqua tiepida e limone: il primo rimedio alcalinizzante del mattino

Alla base dei consigli bionutrizionali spesso c’è quello di iniziare la giornata con una tazzina di acqua tiepida e il succo di un limone. Questo consiglio, molto semplice, ha degli obiettivi molto seri che mirano al ri-equilibrio dell’organismo.  Il limone infatti non è soltanto un alimento, ma è un vero e proprio rimedio naturale.Questo rimedio elementare bilancia il pH, rafforza il sistema immunitario, aiuta a perdere peso, migliora la digestione. Attraverso lo stick che rileva il pH dell’urina noi possiamo conoscere facilmente il pH medio del nostro organismo, cioè lo stato di acidosi o alcalosi che si è generato durante i processi metabolici. L’Acidosi è una condizione patologica in cui un organismo produce o introduce in misura superiore alla norma sostanze acide, oppure riduce le sostanze alcaline, così che il suo pH organico tende all’acidità. Questo stato però altera i processi metabolici che invece richiedono un perfetto equilibrio tra produzione ed escrezione di sostanze acide ed alcaline (equilibrio acido-base). 

Acqua tiepida con succo di limone, a cosa serve?

1. Bilancia il nostro pH

Il succo di limone, che come frutto sarebbe acido, in verità una volta ingerito, a contatto con le reazioni organiche, diventa alcalino (l’acido citrico non crea acidità nel corpo, una volta metabolizzato).

Quando ingeriamo un determinato cibo, questo può dare una reazione acida e quindi tende a sottrarre sali minerali all’organismo, mentre un alimento alcalino-basico, è mineralizzante e non sottrae sali minerali all’organismo perchè bilancia o neutralizza gli effetti degli acidi. 

 
2. Rafforza  il sistema immunitario

I limoni sono ricchi di vitamina C e di potassio. La vitamina C è un fondamentale antiossidante, utile anche per combattere i raffreddori e il potassio stimola le funzioni del cervello e del Sistema Nervoso e aiuta a controllare la pressione. Il nostro Sistema Immunitario sa bene che un corpo alcalino è la vera chiave per una buona salute.

3. Facilita la perdita di peso

limoni sono ricchi di  pectina, che aiuta a  contrastare il senso di fame. Nelle condizioni di fame compulsiva aiuta bere un po’ di acqua e limone. Inoltre è stato dimostrato che le persone che mantengono una dieta più alcalina perdono peso più velocemente.

4. Aiuta la digestione

L’acqua calda serve a stimolare il tratto gastrointestinale e la peristalsi intestinale (le contrazioni muscolari all’interno delle pareti intestinali). Non è infrequente che dopo l’ingestione di questa bevanda la persona senta il bisogno di liberarsi, andando di corpo. I limoni sono anche ricchi di sali minerali e di vitamine che contribuiscono a ridurre le tossine nell’apparato digerente.

5. Agisce come diuretico naturale

Uno stato di acidosi porta ad una condizione di intossicazione permanente. Il succo di limone aiuta l’eliminazione delle tossine, perché i limoni aumentano la diuresi. Le tossine vengono quindi rilasciate ad un ritmo più veloce e questo aiuta anche a mantenere il tratto urinario sano, perché il limone è un antibatterico naturale. Questo rimedio del mattino rifornisce inoltre della carica energetica vitaminica indispensabile e ci aiuta a prevenire la disidratazione e la stanchezza delle ghiandole surrenali. Non è un rimedio molto indicato per i soggetti particolarmente adrenergici, già “esuberanti” per loro costituzione, perché stimolerebbe la loro produzione di ormoni, che a lungo andare si esauriscono. Quando invece un organismo è disidratato, anergico, questo conduce ad accumulo tossico, a stress, a costipazione. La chiave della nostra energia è infatti nelle ghiandole surrenali: due piccole ghiandole che si trovano sulla sommità dei nostri reni, che insieme con la tiroide, hanno il compito di fornire energia. Da loro dipende anche la produzione di importanti ormoni, tra cui l’aldosterone. L’aldosterone è un ormone secreto dalle ghiandole surrenali ed è quello che regola i livelli d’acqua e la concentrazione di minerali (come il sodio) nel nostro organismo e ci aiuta a rimanere in uno stato di corretta idratazione. Le ghiandole surrenali sono modulatrici della nostra risposta allo stress. Se una persona vive una continua condizione di stress, il rischio che corre è proprio di vedere esaurire queste “centraline”.