Domenica, 08 Dicembre 2019

News

 

Taraxacum officinale

 

Nome comune: Dente di leone, Radicchiella, Soffione, Tarassaco, Pisciacane, Piscialletto, Barba del Signore, Ingrassaporci, Cicoria matta, Cicoria selvatica.

 

Consigli in cucina: Il tarassaco costituisce una delle insalate primaverili più apprezzate, grazie al suo sapore amarognolo, ma anche gradevole al palato e alla ricchezza in vitamine e sali minerali. Le foglie sono una verdura da consumare sia cruda in insalata (mista alle altre erbe di campo), che cotta, dopo averla lessata, magari ripassata in padella. Come droga culinaria s’impiega la radice contusa insieme con la pianta, Radix Taraxaci cum Herba. L’industria ha prodotto un caffè di cicoria selvatica che è utilissimo come bevanda da proporre ad adulti e bambini con la colazione, magari dolcificato con sciroppo d’acero o sciroppo d’agave.

 

Tarassaco: proprietà

Presente in tutta Italia, il tarassaco cresce dalla pianura alla zona alpina, fino oltre i 2000 metri, si trova nei prati, ai margini delle strade (dove non è consigliabile raccoglierlo) e nei luoghi incolti, tanto che viene considerato un’erba infestante. È opportuno raccogliere soltanto foglie e radici di piante giovani, lontane dalle strade. E lavarle molto bene prima dell'uso.

La radice del tarassaco attiva gli organi emuntori (fegato, reni, pelle) preposti alla trasformazione delle tossine, facilitandone l’eliminazione (attraverso feci, urina, sudore). Possiede perciò proprietà depurative, proprio perché attiva la funzionalità biliare, epatica e renale. Stimola l’attività di tutte le ghiandole dell’apparato gastroenterico (saliva, succhi gastrici, pancreatici, intestinali) facilitando la peristalsi e quindi aiutando l’eliminazione delle scorie tossiche.

Il tarassaco contiene soprattutto alcoli triterpenici (tarasserolo); steroli; diverse vitamine (A,B,C,D); inulina, principi amari (tarassacina), sali minerali (potassio, calcio, ferro, fosforo) che conferiscono alla pianta proprietà amaro-toniche e digestive.

Queste sostanze hanno proprietà antinfiammatorie e disintossicanti, agiscono soprattutto sul fegato, attivandolo e aiutando l’eliminazione delle scorie (zuccheri, trigliceridi, colesterolo e acidi urici) facendo del tarassaco una pianta epatoprotettiva, indicata in caso di insufficienza epatica, epatite, e calcoli biliari.

Tra i nomi popolari del tarassaco c’è anche pisciacane o piscialletto, perché le sue proprietà diuretiche lo hanno reso noto come tale. Di tali proprietà sono responsabili i flavonoidi e in parte i sali di potassio, che stimolano la diuresi favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso. Questo lo rende un ottimo alimento nei casi di ritenzione idrica, ipertensione ma anche cellulite.

I suoi componenti hanno attività antiossidanti e anti-infiammatorie che portano a diversi effetti biologici sullo stato di salute. 

Il tarassaco inoltre migliora la resistenza allo sforzo, abbassa la velocità di assunzione del glucosio nel sangue e impedisce l'aumento della concentrazione di lattato e trigliceridi nel sangue. È un antifatica eccezionale.

Una proprietà molto interessante del tarassaco è quella di riuscire a far eliminare all’organismo le scorie di paracetamolo (la comune Tachipirina) per il suo effetto epatoprotettivo contro la tossicità indotta da Paracetamolo. I possibili meccanismi coinvolti nel fenomeno e studiati dalla ricerca comprendono le sue attività scavenger contro i ROS e le specie reattive dell'azoto, che sono attribuiti al contenuto di composti fenolici presenti.

Infine studi sul tarassaco ne assicurano le proprietà immunoprotettive perché il tarassaco è in grado di potenziare la risposta immunitaria del sistema linfatico. L’ossido nitrico (NO), in esso contenuto, è implicato nei processi di regolazione e difesa del sistema immunitario: agisce infatti come un messaggero intracellulare stimolando l’attività fagocitaria delle cellule.

 

Studi analizzati:

Colle D et al., Antioxidant properties of Taraxacum officinale leaf extract are involved in the protective effect against hepatoxicity induced by acetaminophen in mice. 2012 Jun, J Med Food. 

 

González-Castejón M et al., Diverse biological activities of dandelion. 2012 Sep, Nutr Rev.

 

 Jinchun Z  et al. , The effects of Taraxacum officinale extracts (TOE) supplementation on physical fatigue in mice, 2011, Afr J Tradit Complement Altern Med. 

 

Lee BR et Al., Effects of Taraxacum officinale on fatigue and immunological parameters in mice, 2012, Molecules. 

 

Modaresi M et al.,The Effect of Taraxacum officinale Hydroalcoholic Extract on Blood Cells in Mice, 2012Adv Hematol.