Sabato, 14 Dicembre 2019

News

Le triadi di Kramer

I binari dei rimedi floreali di Bach

Kramer con i suoi studi nel campo della floriterapia è riuscito ad attirare l’attenzione sui risultati dei suoi studi sulla mappatura del corpo umano e all’attribuzione ad ogni area corporea riscontrata ad un rimedio floreare. Lo studio di Kramer segue diversi percorsi che meriterebbero un approfondimento, dove quello delle mappature è solo il più conosciuto.

Principi introduttivi delle triadi floreali di Kramer.

Egli parte dal presupposto che i 12 guaritori scoperti per primi dal Dr. Bach siano i “fondamentali”.
I fiori successivi, servirebbero per affrontare quelle situazioni che non curate in maniera debita e soprattutto tempestivamente, degenerano in caratterialità correlate, che diventano primarie come compensazione degli squilibri precedenti.  E’ come se, andando alla ricerca di un continuo equilibrio dinamico, trovassimo un equilibrio attraverso una combinazione di squilibri che “nel qui ed ora” costituiscono l’unico equilibrio possibile.

Kramer nei suoi studi, associa ad ogni fiore dei 12 di base altri due rimedi da utilizzare nei percorsi dove c’è difficoltà ad apprendere la lezione di fondo incorporata nel rimedio base.

Esistono perciò 12 fiori di comunicazione, ossia i 12 guaritori primari o di base,  fiori di compensazione (posti in essere per compensare gli squilibri generati dall’incomprensione del fiore base) e fiori di decompensazione (l’unico equilibrio possibile degli squilibri precedenti).

I fiori di decompensazione sono l’ultimo livello dello squilibrio generato in origine dalla mancata comprensione della lezione incorporata nel fiore di base. I fiori di decompensazione sono importanti perchè a questo livello il disturbo da emotivo-mentale si somatizza a livello fisico.

E’ possibile, grazie a queste associazioni, procedere alla ri-armonizzazione degli stati disarmonici cominciando dall’alto verso il basso (dal rimedio di decompensazione verso quello di comunicazione).

Il metodo delle triadi di Kramer ci consente di semplificare situazioni complesse, in cui esperienze difficili e/o dolorose si sono cristallizzate le une sulle altre rendendo difficile l’individuazione dei rapporti tra cause ed effetti. Il metodo delle triadi ci consente inoltre di individuare i possibili sviluppi di situazioni già presenti se non prontamente affrontate e i possibili effetti “collaterali” (in tema di crisi di “consapevolezza”) derivanti dall’adozione dei specifici rimedi floreali.

I 12 guaritori di base:

Rock Rose per il terrore;
Mimulus per la paura;
Cerato per la sfiducia in se stessi;
Sclerantus per l’indecisione;
Gentian per lo scoraggiamento;
Centaury per la debolezza;
Water Violet per la solitudine;
Impatiens per la tensione;
Agrimony per la tortura mentale, sofferenza psichica
Chicory per l’invadenza;
Vervain per l’eccessivo entusiasmo.
Clematis per l’indifferenza.

Questi fiori corrispondo ad un TIPO SPECIFICO DI PERSONALITA’ CONGENITA, identificano una precisa qualità dell’animo umano e sono considerati come FIORI BASE.

La fase Cerato può essere ad esempio una fase transitoria, che nasce dal non conoscere, dall’ignoranza, e spesso questa insicurezza si dissolve quando si acquisisce la capacità di valutare e di decidere autonomamente.

I 5 fiori esteriori (Star of Bethlehem, Gorse, Walnut, Elm, Aspen) invece agiscono sugli squilibri derivati da influenze esterne a cui, nostro malgrado, tutti noi siamo sottoposti

Il fiore base (Larch) è il fiore che agisce proprio alla base di quasi tutte le problematiche interiori ed esteriori: l’insicurezza.

I fiori di compensazione: (Holly    Rock Water   Vervain    Chestnut Bud   Willow   Vine Impatiens  Hornbeam  Agrimony  Red Chestnut  Heather   Olive) fiori che compensano gli squilibri dei primari.


TABELLA DELLE TRIADI DI KRAMER:

I 12 binari raggruppano fiori che agiscono sulle disarmonie psico-emozionali che trovano la loro origine nell’interiorità dell’individuo,

fiore di comunicazione (o fiore-base)/fiore di compensazione/fiore di decompensazione

CENTAURY- HOLLY-PINE
SCLERANTHUS- ROCK WATER-CRAB APPLE
AGRIMONY-VERVAIN-SWEET CHESTNUT
WATER VIOLET-CHESTNUT BUD-BEECH
GENTIAN- WILLOW- WILD ROSE
CLEMATIS -IMPATIENS-MUSTARD
VERVAIN-HORNBEAM-WHITE CHESTNUT
ROCK ROSE-AGRIMONY-CHERRY PLUM
CERATO-VINE -WILD OAT
CHICORY-RED CHESTNUT-HONEYSUCKLE
MIMULUS-HEATHER-MUSTARD
IMPATIENS-OLIVE-OAK

Qualora una combinazione contenesse un intero binario (fiore base -fiore di compensazione e di decompensazione) può accadere che la reazione iniziale alla combinazione sia piuttosto forte, da indurre talvolta ad abbandonare la terapia.

Un esempio di questa nuova suddivione dei fiori di bach:
Per fare un esempio di come funzioni questa sua nuova suddivisione dei fiori di Bach citiamo il binario Centaury – Holly – Pine.

Pine, chiamato fiore di decompensazione dallo stesso Kramer, rappresenta uno stato per così dire finale, che è quello in cui la persona si sente tormentata dai sensi di colpa. Come dice la moderna psicologia umanistica, il senso di colpa è rabbia retroflessa, cioè un sentimento di rabbia verso gli altri non espresso che in qualche modo si ritorce contro se stessi. Kramer applicando questa visione ai fiori ha messo in relazione Pine con Holly, chiamato fiore di compensazione. Holly è il fiore adatto a coloro che sono in preda ad eccessi di collera anche per un nonnulla. Ma la rabbia può derivare da un atteggiamento negativo proprio della persona? Secondo Kramer sì: Centaury, fiore detto di comunicazione, è il fiore di chi non riesce a mantenere i propri confini e privilegia sempre gli altri rispetto a se stesso, è il fiore dei sottomessi, di coloro che non osano dire la loro opinione per evitare di contraddire gli altri. Colui che vive essenzialmente in una modalità Centaury a lungo andare può stufarsi di non essere considerato dagli altri (perché non fa nulla per esserlo…) e quindi può compensare questo suo stato con quello caratteristico di Holly in cui la rabbia si esterna, siccome però uno stato di collera in queste persone, di base molto sensibili, non può durare a lungo si instaura uno stato Pine in cui la rabbia si ritorce verso di sé mutando la sua manifestazione in senso di colpa. In questo modo Kramer è riuscito a creare una serie di correlazioni tra fiori che aiutano a mettere a fuoco nel migliore dei modi le problematiche di ogni singola persona.

Fonti bibliografiche: DIETMAR KRAMER – Nuove terapie con i fiori di Bach voll 1 e 2 Edizioni mediterranee