Come coprire i capelli bianchi

come coprire i capelli bianchi in modo naturale

Ingredienti: 20 foglie di salvia, un cucchiaio di the nero, 150 g di henné (assicurarsi che si tratti di Lawsonia inermis e non ci siano altre sostanze), 150 g. di mallo di noce (acquistabile anche questo in erboristeria), qualche goccia di succo di limone, un cucchiaino di miele e un cucchiaio di olio di mandorle. La quantità di polvere di henné e di mallo dipende molto dalla quantità di capelli. Chi ha una folta capigliatura avrà bisogno di più polvere.

 Metodo

Far bollire per cinque minuti  due tazze di acqua con 20 foglie di salvia fresca e un cucchiaio di the nero. Filtrare e rimettere sul fuoco perché il decotto risulti bollente quando lo si miscela con l’henné e con il mallo di noce. Sciogliere il miele nel liquido. In una ciotola si miscelerà sia l’henné che il mallo di noce.

Questo è importante per evitare che il risultato del colore non venga “a chiazze”. È importante munirsi di guanti usa e getta, perché questo composto macchia la pelle. Quindi si versa il liquido del decotto ancora bollente in questa miscela, si aggiungono poche gocce di limone e soltanto alla fine si versa l’olio di mandorle. Il limone serve per fissare il colore. Miele e olio di mandorle sono indispensabili per chi ha capelli un po’ secchi, disidratati, opachi, per dare morbidezza e luminosità ai capelli. Ma è fondamentale che siano ben miscelati per evitare che alcune zone dei capelli possano non aderire al colorante naturale. È importante che la miscela risulti abbastanza fluida da poter essere spalmata con il pennellino, come una normale tinta, ma non deve risultare troppo liquida perché potrebbe “colare”. La giusta consistenza la si apprende con l’esperienza. Utilizzare come una normale tinta, con l’avvertenza che le erbe hanno bisogno di un tempo di posa maggiore, per cui si consiglia di scegliere un pomeriggio da trascorrere in casa in modo da avere almeno da quattro a sei ore a disposizione. Avvolgere il capo prima nella pellicola plastificata e dopo nella carta argentata. Se si desidera girare per casa è possibile mettere un vecchio cappellino di pile o un foulard destinato all’uso, tenendo presente che la tinta macchia anche i tessuti. Il risultato sarà una copertura dei capelli bianchi e una varietà di toni e di sfumature che vanno dal castano al ramato.

Curiosità. I pidocchi detestano le erbe… questo metodo sicuramente li tiene lontani dai capelli.  

Condividi: